Tra le rive del Santerno si è corso il terzo doppio appuntamento stagionale del Campionato Italiano Velocità 2020.

GARA 1

La quinta gara del Campionato Italiano Velocità SuperSport 600 ha visto al via Massimo Roccoli in sella alla Yamaha R6 preparata da Rosso Corsa.

Nelle qualifica riepilogativa il pluricampione Italiano ha fatto segnare il tempo di 1’52.976 che gli è valsa la seconda fila con la  quarta  piazza.

Nella gara corsa nel soleggiato pomeriggio sulla distanza di 15 giri, Massimo Roccoli parte come di consueto bene. Il pluricampione italiano nel proseguo della gara cerca di tenere il passo dei primi, ma purtroppo alla decima tornata, mentre è in lotta per la quarta posizione scivola. Il pilota del team si Beppa Amato con la caparbietà che lo contraddistingue risale subito in sella ritrovandosi nono, ma con un buon passo riesce a guadagnare diverse posizioni e concludere in settima posizione sotto la bandiera a scacchi.

 

CIV Supersport 600 – Autodromo Enzo e Dino Ferrari

Gara 5: 1) OTTAVIANI  (Yamaha) – 2) MERCANDELLI (Honda) – 3) STIRPE (MV Agusta) …. 7) ROCCOLI (Yamaha)

GARA2

Sesta gara del CIV, Campionato Italiano Velocità Supersport, per  Massimo Roccoli. La gara odierna si è disputata nel tardo pomeriggio, regolarmente sotto un caldo sole estivo. Così come ieri, in base ai risultati delle qualifiche, Roccoli ha preso il via dalla quarta posizione. Il pluricampione Italiano con una buona partenza si porta subito nelle prime posizioni. Conduce una gara in lotta per il podio concludendo purtroppo anzitempo la sua prova al nono giro con una rovinosa scivolata alle acque minerali.

CIV Supersport 600 – Autodromo Enzo e Dino Ferrari

Gara 6: 1) Bernardi (Yamaha) – 2)  Stirpe (MV Agusta) – 3) Bussolotti (Yamaha) …  RT) Roccoli (Yamaha)

 

Massimo Roccoli: “Week-end strano e difficile su una delle mie piste preferite. Sono riuscito a fare una buona qualifica, purtroppo vanificata  in gara uno, scivolando sull’olio perso da Bernardi e poi con un dritto che non mi hanno permesso di andare oltre il settimo posto. In gara due ho cercato di forzare per non farli scappare, ma sfortunatamente alle acque minerali una scivolata abbastanza violenta mi ha tolto l’opportunità di portare a casa almeno un podio. Il team ha lavorato sempre alla grande, ma purtroppo non sono riuscito a concretizzare i risultati. Ora lavoriamo per Vallelunga. Ringrazio tutti i miei sponsor e sostenitori”